Silenzio

Fermate gli orologi,
tagliate i fili del telefono,
regalate un osso al cane affinché non abbai,
faccia silenzio il pianoforte,
tacciano i risonanti tamburi.
Guarnite di crespo il collo bianco dei piccioni
e fate che il vigile urbano indossi lunghi guanti neri.
Offuscate tutte le stelle perché non le vuole più nessuno;
buttate via la luna, tirate giù il sole;
svuotate gli oceani e abbattete gli alberi;
perché da questo momento niente servirà più a niente.

Durante le tre giornate di Parigi, io non avevo in testa che questi versi*.
Per questo niente è stato scritto. E niente lo sarà.

(*) Da Funeral Blues di W. H. Auden, ripreso da “Quattro matrimoni e un funerale”

Una risposta a “Silenzio

  1. Di fronte alla pazzia non c’è nulla da dire.

    Di fronte ai criminali che usano e fomentano questa pazzia, per creare la paura, che ormai sola permette loro di continuare a fare gli interessi dei loro padroni (e in questo sito sappiamo tutti chi sono), non c’è nulla da dire.

    Solo tenersene alla larga e tentare di costruirci un salvagente, una zattera nella speranza di non naufragare.

    Chi vorrà, farà tesoro delle nostre esperienze.

Esprimi un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...